Pedalando tra le bellezze della Ciociaria

Vacanze in bici
Scopri la natura incontaminata, i paesaggi mozzafiato, l’arte ed i sapori toscani insieme alla tua migliore compagna di viaggio: la tua mountain bike o road bike.
Cinque giorni di tour tra le meraviglie, nel cuore della Ciociaria, guidati dal nostro esperto Pino per condividere esperienze uniche del nostro territorio.

Il pacchetto include:

  • 7 giorni, 6 notti in Camera Delux
  • 6 Colazioni a buffet; un abbondante buffet fatto di cibi salati e dolci realizzato con materie prime del nostro territorio a km 0 con prodotti biodinamici, biologici e di prima scelta.
  • 5 tour guidati di mezza giornata (possibilità di intera giornata)
  • 3 percorsi benessere, durante il quale è possibile utilizza la piscina riscaldata con lettini e cilindri per idromassaggio, tappeto mille bolle e fontane idrocervicali, vasca talasso terapica, biosauna, sauna finlandese, bagno turco, tunnel di acqua emozionale, doccia tropicale, doccia scozzese. cromoterapia, frigidarium, percorso kneipp, fitness centre, zona tisaneria.
  • Kit cortesia da usare all’interno del centro benessere (Accappatoio, ciabattine)
  • 2 Massaggi sportivi da 30 minuti

Costo totale Euro 570 per persona – Prezzo a persona in Camera Delux (base 2 adulti)

Pista Ciclabile Fiuggi – Paliano – Serrone

La pista ciclabile Fiuggi – Paliano – Serrone è un ottimo esempio di cosa vuol dire riqualificare le linee ferroviarie ormai in disuso. Per vari motivi, a volte non condivisibili, molte ferrovie in Italia sono state abbandonate, e restano inutilizzate. Perché non trasformarle in piste ciclabili? Il percorso è già tracciato, e le pendenze non sono mai impegnative. Andiamo a scoprire quindi questa pista ciclabile nel Lazio.

C’era una volta un trenino, che arrancava lentamente dal centro di Roma fino a Fiuggi, a circa 70 chilometri di distanza. Seguiva la Casilina e la Prenestina, inoltrandosi nella campagna romana che pian piano con gli anni diventava borgata, e poi periferia vivace ma abbandonata a se stessa dall’ammistrazione pubblica. Fuori Roma proseguiva servendo i vari paesini lungo la Prenestina e poi la SR155: Palestrina, Cave, Genazzano… fino ad arrivare a Fiuggi, nota per la sua stazione termale.

Il trenino ebbe il suo momento di gloria nel secondo dopoguerra, quando era usato dal sempre crescente numero di persone che si trasferiva a Roma un po’ da tutta Italia. Mio nonno, che arrivò a Roma nel 1946 dal Veneto, lo usava in entrambe le direzioni, per andare a lavorare da Tor Vergata (all’epoca piena campagna, oggi trafficatissima periferia) verso il centro, o per qualche rara gita domenicale verso i paesini nominati sopra. Oggi il percorso del trenino è molto ridotto, limitato a una manciata di chilometri, senza superare neanche il Raccordo Anulare.

Ma lo spirito del treno rivive in una pista ciclabile ricavata dai suoi binari smantellati, fra i comuni di Paliano e Fiuggi. La pista ciclabile inizia improvvisamente lungo la trafficata SR155, in un punto poco fruibile in quanto difficile da raggiungere con altri mezzi. Per questo abbiamo deciso di offrire due opzioni, una per i ciclisti un po’ più allenati ed esperti, e una per tutti, anche per famiglie con bambini.

Esempio itinerario:
Paliano – Serrone – Fiuggi – Serrone – Paliano – Colleferro
Per questa opzione possiamo far partire il percorso dalla stazione ferroviaria di Colleferro, in modo da sfruttare l’intermodalità treno + bici. È consigliata ai ciclisti un po’ più esperti per due motivi: si passa per strade aperte al traffico, e si deve superare una salita di circa 5 km, al 5% di pendenza media e 8% di pendenza massima. Il percorso è lungo circa 36 chilometri (solo andata).

Mappa

Scarica

Traccia GPS (.gpx e .kml)

Dalla stazione di Colleferro si prende la trafficata SS6 Casilina verso Roma per circa un chilometro, per poi prendere subito a destra la SP21, che si segue per circa 2,2 chilometri. A questo punto si prende a sinistra una strada locale (Contrada Colle Rampo) che in 7,8 km porta sulla SR155, in corrispondenza del punto in cui inizia la pista ciclabile Paliano – Serrone – Fiuggi, nel territorio del comune di Paliano. Da qui altri 6 km di pista ciclabile (comprendenti la salita di cui abbiamo parlato) portano fino alla ex stazione di Serrone. Il percorso continua lungo la pista ciclabile fino a Fiuggi.

Esempio itinerario:
Fiuggi – Serrone

Ai ciclisti meno esperti consigliamo invece di partire direttamente da Serrone: il tratto Serrone – Fiuggi è quello più bello paesaggisticamente, più facile, e anche più protetto dalle automobili. Si pedala sempre su pista ciclabile separata dalla strada, in mezzo alla campagna, con un panorama che gradualmente si apre verso la valle in basso. A sud ammiriamo la doppia catena dei Lepini (sulla sinistra) e i Colli Albani (sulla destra). Volendo, è possibile fare qualche deviazione verso i vari paesini che si sfiorano (Serrone, Piglio, Acuto), magari per comprare una bottiglia di Cesanese del Piglio, il vino locale. Lungo il percorso si trovano diverse aree di sosta per fare merenda; alcune sono dotate di fontanelle.

Traccia GPS (.gpx e .kml)

Si può partire dalla ex stazione di Serrone, dove si trova un parcheggio. Il percorso è lungo 18 km (solo andata). I primi 7 km sono praticamente in pianura. Segue una salita abbastanza semplice (5 km al 3%) e una discesa fino all’ingresso alla parte nuova di Fiuggi, dove la pista ciclabile finisce. Al grande incrocio potete scegliere se andare a sinistra, dove una breve ma ripida salita porta al centro storico di Fiuggi; oppure andare a destra, verso la zona delle terme, o anche più oltre verso il lago di Canterno.

 

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *